Diari d’Europa #420 – Europa e internet per tutti

26

L’accesso a Internet è diventato per tutti uno strumento di grande importanza, soprattutto in periodo di Covid e di distanziamento sociale. Se l’uso di internet è cosa normale e quotidiana per i giovani, le cose non vanno nello stesso modo per le persone più anziane, confrontate non solo a scarsa educazione digitale ma anche a radicate abitudini culturali di una vita.

In proposito, Eurostat ha pubblicato, il 17 maggio, un’inchiesta sull’uso di internet nell’Unione Europea da parte di persone di età compresa fra i 65 e i 74 anni negli ultimi tre mesi del 2020. Con una media europea del 61%, troviamo ai primi posti Danimarca, Lussemburgo, Svezia e Finlandia con percentuali che superano il 90%. Agli ultimi posti Grecia, Croazia e Bulgaria, con percentuali inferiori al 30%. L’Italia non brilla e conquista una percentuale del 42%.

Sono cifre che fanno riflettere, soprattutto se si pensa alla Democrazia digitale, concetto che l’Enciclopedia Treccani definisce così: “utilizzazione delle nuove tecnologie, specialmente internet, al fine di favorire la partecipazione dei cittadini alle decisioni che li riguardano in quanto tali…”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here