Diari d’Europa #262 – Transizione ecologica e disuguaglianze

38

L’ultimo rapporto di OXFAM e dell’Istituto per l’Ambiente di Stoccolma, pubblicato l’8 dicembre scorso, riporta l’attenzione sulle disuguaglianze ecologiche e sulla giustizia climatica in Europa.

Le cifre del rapporto, intitolato “Combattere le diseguaglianze nelle emissioni di CO2 nell’Unione Europea” sono molto eloquenti: il 10% dei cittadini europei più ricchi è responsabile di più di un quarto (27%) delle emissioni di CO2 nell’Unione Europea, vale a dire la stessa quantità prodotta dalla metà più povera della popolazione europea. 

La metà della popolazione più povera dell’Unione ha ridotto le sue emissioni di circa un quarto (24%) mentre il 10% delle persone più ricche ha aumentato tali emissioni del 3% e ha un’impronta-carbonio dieci volte superiore al livello richiesto per abitante per raggiungere l’obiettivo fissato per il 2030. La Commissione europea ha infatti proposto una riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030 rispetto al 1990.  

Sono disuguaglianze che si inseriscono in un contesto più vasto di giustizia sociale e che rappresentano anch’esse una sfida per la democrazia, sfida alla quale l’Europa non puo’ sottrarsi per raggiungere l’ambizioso obiettivo di un equo “Green Deal”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here