Diari d’Europa #260 – Covid 19 e diritto alla disconnessione

38

Il Covid 19 sta cambiando le nostre vite, le nostre abitudini, i nostri rapporti sociali e il nostro modo di lavorare. 

Dall’inizio della pandemia, più di un terzo dei lavoratori europei pratica lo “smart working” e lavora da casa. Una situazione che non solo crea squilibrio fra vita privata e vita professionale, ma può anche mettere in pericolo la salute stessa del lavoratore. 

Per far fronte a questo nuovo fenomeno e per una maggiore tutela dei lavoratori, la commissione occupazione e affari sociali del Parlamento europeo ha adottato, ad inizio dicembre,  una proposta di risoluzione per chiedere che il “diritto alla disconnessione” diventi un diritto fondamentale e venga garantito da tutti gli Stati membri. Significa il diritto di spegnere gli apparecchi digitali al di fuori delle ore di lavoro, di contrastare la cultura “dell’essere sempre connesso” e contattabile dal datore di lavoro e significa proteggere anche la salute mentale dei lavoratori. Non è cosa da poco se si considera l’evoluzione degli strumenti di lavoro nei prossimi anni, al di là della pandemia di Covid 19.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here