Diari d’Europa #1

31

Partita lenta e in ritardo, l’Unione Europea sta cercando di recuperare nella sfida al coronavirus. Nei limiti dei poteri di cui dispongono, le Istituzioni UE cercano di indurre i governi nazionali ad azioni di coordinamento a livello europeo e a trovare soluzioni condivise, in particolare a livello economico e finanziario. Ieri e oggi è in corso un duro confronto tra i ministri economici: per ora il solo risultato è la decisione di sospendere il Patto di stabilità (quello che Prodi, allora neo-presidente della Commissione, chiamò con qualche ragione “Patto di stupidità“), come proposto da giorni dalla Commissione. Più arduo trovare un consenso sull’intervento del “Meccanismo europeo di stabilità “ (MES), un Fondo di oltre 400 miliardi di euro, a sostegno di Paesi in difficoltà finanziaria, accompagnato da pesanti condizioni per il Paese che ne chiede l’intervento. Condizioni che l’Italia (e non solo) rifiuta. È probabile che il tema finisca giovedì sul tavolo del Consiglio europeo dei Capi di Stato e di governo, ultima istanza decisionale possibile. La speranza è che a situazione eccezionale per “tutti” ci sia una decisione eccezionale da parte di “tutti”.

Articolo precedentePolitica di coesione dell’UE: oltre 1,4 miliardi di € per progetti verdi
Articolo successivoDiari d’Europa #2 – Lezioni dall’Oriente
Franco Chittolina
presidente di APICE, ha lavorato per 25 anni a Bruxelles presso le Istituzioni europee (Consiglio dei ministri prima e Commissione poi), impegnandosi per il dialogo tra le Istituzioni comunitarie e la società civile. Dal 2005 lavora in Italia per portare l’Europa sul territorio piemontese, in particolare nella provincia di Cuneo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here