Banca dati europea sulle biomasse

991

Si chiamerà   EUBIDA, acronimo per EUropean BIomass Database e sarà   la prima banca dati sulle biomasse dell’Unione Europea. EUBIDA è realizzata nell’ambito del progetto acquaterre, network europeo integrato della biomassa e per il riutilizzo dei rifiuti nei bio-prodotti, sostenuto finanziariamente dalla Commissione Europea, nell’ambito del Settimo Programma Quadro di Ricerca e sviluppo Tecnologico (2007-2013); Cooperazione internazionale – tema dei prodotti alimentari, agricoltura e pesca, biotecnologie.
Il network ha tra i suoi scopi la promozione della cooperazione tra centri di ricerca, imprese e altre parti interessate in tema di ricerca, sviluppo e applicazione delle agroenergie e produzione e valorizzazione dei biocarburanti.
Il progetto del database europeo mira a realizzare un inventario delle attuali fonti di biomassa in Europa e quantificandone il potenziale e identificando così quelle migliori.
EUBIDA coinvolgerà   oltre all’Italia anche Belgio, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Lituania, Paesi Bassi, Regno Unito, Romania, Spagna, Svezia, Islanda Ucraina, Estonia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovenia, Slovacchia, Svizzera e Ungheria ed avrà   tra i suoi obiettivi quello di colamre le lacune informative sulla produzione e disponibilità   di risorse di biomassa.
Per l’Italia partecipa l’ENEA, con il coordinamento scientifico del Gruppo SIStemi Vegetali per Prodotti Industriali (BIOTEC SIS, Centro Ricerche Casaccia), oltre ad enti ed istituiti di ricerca pubblici e privati, università   e associazioni di categoria.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here