A voi la parola, cittadini d’Europa.

494

Spingere i cittadini a “prendere parte” per “sentirsi parte” in un dibattito pubblico di portata europea: questo l’obiettivo dell’iniziativa online voluta dalla Commissione. Un esempio di democrazia partecipata per far emergere la cittadinanza attiva europea e farla esprimere su quale Europa vuole e quale futuro si immagina.

Il 9 maggio, festa dell’Europa, la Commissione ha lanciato la prima consultazione online per i cittadini europei: le 12 domande del sondaggio sono il frutto delle proposte di 96 concittadini provenienti dai 27 paesi membri che si sono riuniti all’inizio di maggio presso il Comitato Economico e SocialeEuropeo (CESE) per individuare i temi di massima attualità su cui focalizzarsi. In questo tempo di forte euroscetticismo e a poco più di un anno dalle prossime elezioni europee, questa piazza virtuale rappresenta una preziosa opportunità e un impegno concreto per dare voce a chi spesso non si sente rappresentato nel processo democratico e decisionale dell’Unione. L’iniziativa, fortemente voluta dal Presidente francese Emmanuel Macron, si colloca all’interno del dibattito avviato con la pubblicazione del Libro bianco sul futuro dell’Europa del 1 marzo 2017.

La Commissione fornirà una primo bilancio di sei mesi durante il Consiglio europeo di dicembre e presenterà una relazionefinale il 9 maggio del 2019in occasione del Vertice speciale di Sibiu in Romania.

Anche APICE, su territorio cuneese, si farà portavoce dell’iniziativa cercando di raccogliere al meglio le opinioni dei nostri concittadini.

Per ulteriori informazioni:

Online: Consultazione sul futuro dell’Europa

Scheda informativa: Dialogo con i cittadini in vista delle elezioni europee

Opuscolo: Dialoghi con i cittadini sul futuro dell’Europa

Libro bianco sul futuro dell’Europa

LASCIA UN COMMENTO