A Tallinn si costruisce il futuro digitale dell’Unione Europea

929

Il Primo Ministro Estone ha da poco pubblicato il resoconto del Digital Summit che si è tenuto a Tallinn il 29 settembre scorso.

L’Estonia, situate tra Finlandia e Russia e stato membro dell’Unione Europea dal 2004, rappresenta la tigre digitale dell’UE.

Il Vertice digitale, che si è tenuto a Tallinn poiché l’Estonia ha la Presidenza del Consiglio dell’UE e perché il digitale è fra le sue priorità, ha radunato intorno allo stesso tavolo i capi di governo di 25 stati membri con l’intento di progettare la strategia futura per un’Europa che ambisce a diventare, entro il 2025, leader mondiale nell’innovazione digitale.

Queste le macro aree affrontate:

E-Government:

è necessario investire in un uso più efficiente delle tecnologie innovative all’interno delle pubbliche amministrazioni per abbattere sensibilmente gli attuali costi e offrire ai cittadini e aziende servizi cross-border, più rapidi e integrati (se all’interno dell’UE venisse introdotta la fatturazione elettronica si risparmierebbero 50 miliardi di euro all’anno). Bisogna incrementare il livello di trasparenza della PA e incoraggiare la partecipazione dei cittadini tramite l’introduzione di strumenti digitali innovativi.

Sicurezza e fiducia nelle tecnologie:

definire una politica comune per la cybersecurity basata sulla cooperazione tra stati membri che protegga i cittadini, i consumatori, le aziende e i governi dalle minacce informatiche tutelando allo stesso tempo i diritti fondamentali. Tutelare in particolare modo i bambini e ragazzi dai pericoli della rete e attuare politiche di inclusione digitale anche per le fasce di popolazione socialmente ed economicamente più a rischio.

Società ed economia digitale:

non può avvenire una rivoluzione digitale senza un’adeguata infrastruttura pronta ad ospitarla. E’indispensabile definire una politica fiscale comune del mercato digitale che tassi i profitti nel luogo dove essi vengono generati. Promuovere la libera circolazione dei dati all’interno dell’UE, elemento essenziale per incoraggiare e attrarre investimenti e imprenditori e facilitare lo scambio di un patrimonio informativo comune. Investire in infrastrutture di rete e reti 5G. Accelerare la digitalizzazione dell’industria attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, l’analisi delle grandi quantità di dati prodotti e l’uso di tecnologie blockchain. Aumentare l’offerta formativa di competenze digitali in modo da poter far fronte alla crescente domanda di impiego in questi settori.

I contenuti del Digital Summit verranno ridiscussi dai leader europei durante il prossimo Consiglio europeo che si terrà a Bruxelles il 19 e 20 ottobre.

Sempre a Tallin, il 6 ottobre scorso, è stata firmata da tutti gli stati membri e i paesi dell’EFTA la Dichiarazione sull’e-Government (il processo di digitalizzazione nella PA) mirata a semplificare le operazioni elettroniche per i cittadini e le imprese degli stati membi diversi e accellerare la diffusione di mezzi di identificazione elettronica comuni.

Leggi la dichiarazione

#TallinnDigitalSummit #DigitalSingleMarket #EUempowers #digitalskills.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here