Big Data for Migration: lo studio dei flussi migratori nell’era dei Social Media

2370

É stato presentato a fine giugno un progetto avviato dal Centro per la Conoscenza delle migrazioni e della demografia della Commissione europea e dal Global Migration Data Analysis Centre dell’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni.

Obiettivo del progetto è la creazione di un database che consenta il monitoraggio dei flussi migratori a partire da dati più dinamici (intendendo con questo aggettivo il loro aggiornamento  in tempo reale) perché, come sostengono gli ideatori del progetto, (…) «una delle più rilevanti sfide per la creazione di policies sulle migrazioni è lavorare con le statistiche tradizionali».

Big Data for Migration (BD4M) sfrutta le potenzialità dei social media e di altre fonti innovative per rilevare dati aggiornati sui flussi migratori, sulla mobilità e sui profili delle persone che si spostano dal loro Paese di origine.

Le prime analisi comparative tra dati “tradizionali” e dati ricavati dalle piattaforme social sembrano dimostrare un miglioramento della qualità dei dati stessi e quindi una più efficace descrizione dei modelli migratori (per loro natura «fluidi» e «in rapido cambiamento») e anche una  funzione di supplenza laddove le statistiche ufficiali non esistono.

Sono garantite anche sicurezza e tutela della privacy, anche se, come è stato rilevato in occasione della presentazione del progetto si rende necessaria la costruzione di un quadro legislativo di riferimento.

Per saperne di più

Video del seminario di presentazione del progetto (in inglese) 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here