Nuove azioni della Commissione per combattere lo spreco di cibo

212

Nell’Unione Europea circa il 20% del cibo prodotto viene sprecato o disperso. Si tratta di una quantità molto elevata considerando le innumerevoli persone che nel mondo patiscono ancora la fame.  Inoltre lo spreco alimentare genera problemi sociali, ambientali ed economici inaccettabili.

Per far fronte a questo problema e alla mancanza di dati affidabili a livello europeo, La Commissione ha adottato  un atto delegato  che definisce una metodologia comune per misurare più nello specifico il volume del cibo  sprecato e dunque fornire degli strumenti per prevenire lo spreco.

Combattere la dispersione di cibo non solo rientra nel dodicesimo punto dei sustainable developements goals dell’ONU, ma fa parte del più ampio progetto dell’Unione Europea di un’economia circolare più rispettosa dell’ambiente sprecando meno risorse.

Grazie a questo atto, a partire dal 2020 si avranno annualmente nuovi dati raccolti sullo spreco di cibo nei diversi Stati Membri. Questi dati, con l’aiuto di gruppi di esperti, permetteranno di adottare programmi per combattere lo spreco di risorse alimentari e contribuire ulteriormente alla transizione da un’economia lineare (Produci – usa – getta) a un’economia circolare.

Per approfondire: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here