Terremoto ad Ischia: l’UE in aiuto dell’Italia

101

La Commissione: “Pronti a fornire tutta l’assistenza necessaria”.

In seguito al sisma che ha interessato l’isola di Ischia (21 agosto 2017) la Commissione europea, attraverso le dichiarazioni del Commissario per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi Christos Stylianides, ha espresso il proprio cordoglio per la tragedia e offerto immediato supporto alle autorità italiane.

L’Unione Europea ha già messo a disposizione della Protezione Civile italiana l’Emergency Response Coordination Centre (ERCC) e il sistema satellitare europeo di emergenza Copernicus, dichiarandosi altresì pronta a fornire qualunque altra misura di assistenza venga richiesta dal nostro Paese.

L’intervento si inserisce nel quadro della più ampia attività di supporto intrapresa a seguito dei sismi che hanno colpito il nostro Paese a più riprese, a partire dal 24 agosto 2016: la Commissione ha già proposto uno stanziamento di 1.2 miliardi di Euro provenienti dal fondo europeo di solidarietà (30 milioni dei quali sono già stati versati), ai quali si aggiungono prestiti per 2 miliardi di Euro erogati dalla BEI e deroghe al patto di stabilità per gli stanziamenti destinati alle opere di prevenzione e ricostruzione. Il fondo europeo di sviluppo regionale, inoltre, cofinanzierà al 95% le opere di ricostruzione in seguito a disastri naturali nei Paesi dell’Unione.

 

Per approfondire: Commissione

LASCIA UN COMMENTO