Per i cittadini ucraini si apre la possibilità di viaggiare i UE senza visti

316

Lo scorso 11 maggio il Consiglio europeo ha adottato la proposta della Commissione per la liberalizzazione dei visti per i cittadini ucraini. Si inizia in questo modo a vedere chiaramente la fine di un processo iniziato diversi anni fa. Era il 29 ottobre 2008, infatti, quando è partito il dialogo fra le istituzioni europee e il governo di Kiev sul tema ed erano state poste alcune condizioni da soddisfare per il viaggio senza visti all’interno dell’UE. Già sul finire del 2015 Bruxelles aveva considerato più che adeguate le riforme messe in atto dall’Ucraina nell’ambito di questa trattativa.

A questo proposito sono arrivate le dichiarazioni del Commissario per la migrazione, gli affari interni e la cittadinanza Dimitris Avramopoulos: «Fin dall’inizio, le autorità ucraine hanno dimostrato il loro pieno impegno per affrontare con la massima priorità la lotta contro la corruzione e contro la discriminazione, oltre ad aver svolto importanti riforme nei settori della gestione delle frontiere. L’Ucraina ha percorso un lungo cammino, spesso in circostanze estremamente difficili, e oggi questo è riconosciuto e ricompensato. Ora è importante sostenere questo progresso. L’Unione europea è pronta a continuare a fornire aiuto e assistenza al governo di Kiev in questo sforzo».

Tutto ciò consentirà ai cittadini ucraini di viaggiare liberamente senza visti nei Paesi dell’area Schengen, rafforzando così i reciproci legami sociali, culturali ed economici  e favorendo l’incontro fra persone di diversa provenienza.

LASCIA UN COMMENTO