Le priorità del programma Horizon 2018 -2020

123

Presentate le linee guida ai finanziamenti dell’ultimo triennio del programma

La Commissione Europea ha presentato l’ultimo capitolo di Orizzonte 2020, il programma di finanziamento alla ricerca dell’Unione iniziato nel 2014 e giunto, ormai, al triennio conclusivo.
30 miliardi di Euro andranno a sommarsi ai 47 miliardi già stanziati nel triennio precedente, concentrandosi, in particolar modo, sul sostenere il perseguimento di cinque tra gli obiettivi prioritari individuati da Juncker:

1. Il perseguimento di una politica energetica incentrata sulle fonti rinnovabili e su un ridotto consumo di combustibili fossili, in ottica di prevenzione e contrasto ai cambiamenti climatici;
2. La promozione di un sistema ad “economia circolare” improntato sulla sostenibilità ambientale, che minimizzi il consumo di risorse e la produzione di rifiuti incentivando il riutilizzo dei materiali e la conservazione dell’esistente.
3. L’incremento della digitalizzazione nel secondo e del terzo settore, nell’ambito della cosiddetta “nuova rivoluzione industriale” dell’industria 4.0;
4. La realizzazione di una “Security Union” in grado di prevenire e contrastare la diffusione di materiale illegale sul web;
5. Il conseguimento degli obiettivi dell’agenda europea sulla migrazione, finalizzata ad offrire una risposta coordinata a livello di Unione nella gestione dei flussi migratori.

Altri, ingenti stanziamenti saranno destinati al finanziamento di programmi di cooperazione internazionale, alla promozione di strumenti di coordinamento in tempo reale della ricerca scientifica europea e al sostegno di progetti cd. di “ricerca di frontiera”.

Per approfondire: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO