Il Pilastro europeo dei diritti sociali: una nuova tutela approvata dal Consiglio

165

Il 23 ottobre si è tenuto a Lussemburgo il Consiglio “Occupazione, politica sociale, salute e consumatori”, durante il quale i ministri dell’occupazione e degli affari sociali dell’Unione Europea hanno approvato il testo relativo al documento intitolato “Pilastro europeo dei diritti sociali”.

Si tratta di un testo presentato dalla Commissione il 26 aprile 2017, un documento che enuncia 20 principi e diritti a sostegno dell’equità e del buon funzionamento dei mercati del lavoro e dei sistemi di sicurezza sociale. questo documento sarà oggetto di una proclamazione del Parlamento, del Consiglio e della Commissione in occasione del vertice sociale per l’occupazione e la crescita equa il 17 novembre prossimo a Gotemborg.

Inoltre, il Consiglio ha approvato un orientamento generale riguardante la proposta della Commissione europea di rivedere le norme in materia di distacco dei lavoratori, un documento che vuole ribadire il principio fondamentale della parità di retribuzione per lo stesso lavoro svolto nel medesimo luogo.

Queste due azioni confermano la volontà politica a rendere il mercato interno del lavoro più equo e le sue regole più facilmente applicabili, intenzioni già precedentemente espresse dal presidente Juncker nel suo discorso sullo stato dell’Unione nel 2015, ribadito nel discorso sullo stato dell’Unione del 2017 e nei suoi Orientamenti politici.

Seguirà nel 2018 l’istituzione di un’Autorità europea del lavoro, che si pone come obiettivo il rafforzamento della cooperazione tra le autorità preposte al mercato del lavoro a tutti livelli e per una migliore gestione delle situazioni transfrontaliere, per rendere i diritti di sicurezza sociale più visibili e accessibili.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO