Il Marchio del Patrimonio europeo attribuito alla Miniera di Marcinelle

52

Il Bois du Cazier a Marcinelle è scritto nelle nostre memorie come il luogo in cui si consumò, nel lontano agosto 1956, una delle più gravi tragedie avvenute in miniera. Persero la vita 262 minatori, di cui 136  italiani.

Oggi le tante miniere del Belgio sono chiuse, ormai vestigia di un passato carico di tante storie umane di coraggio e sofferenza. Il Bois du Cazier, da alcuni anni a questa parte ha invece deciso che quel passato e quella memoria, vissuti a mille metri sotto terra, non dovevano andare perduti o dimenticati, ma trasmessi con orgoglio alle giovani e future generazioni.

Luogo vivace di memoria e di continuo e rinnovato rispetto per i  minatori, il Bois du Cazier è stato inserito, nel 2012, sulla lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il 5 dicembre 2017 è stato insignito, insieme ad altri 8 siti in Europa, del Marchio del Patrimonio Europeo.

Dal 2013, i siti del Patrimonio europeo vengono selezionati per il loro valore simbolico, il ruolo che hanno svolto nella storia europea e le attività che offrono per avvicinare l’Unione Europea ai suoi cittadini. Celebrano e simboleggiano quindi gli ideali, i valori, la storia e l’integrazione europei.

Fra gli altri siti insigniti quest’anno del Marchio del Patrimonio europeo troviamo la Sinagoga di Budapest, i siti musicali di Lipsia, il forte di Cadine a Trento, la chiesa di Javorca in Slovenia, il campo di concentramento di Natzweiler (tra Francia e Germania), il memoriale di Sighet (Romania), il villaggio di Schengen, il Trattato di Maasricht.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO