Eurobarometro 2017: i diritti umani nel mondo devono diventare una priorità.

372

L’art. 21 del Trattato sull’Unione europea cristallizza a chiare lettere che essa deve farsi promotrice nel mondo di democrazia, Stato di diritto, universalità ed indivisibilità dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, rispetto della dignità umana e dei principi di uguaglianza e solidarietà.

Questo ciò a cui deve tendere l’Unione europea e questo ciò che i cittadini richiedono a gran voce.

Un sondaggio dell’Eurobarometro ha infatti rilevato come circa il 57 % dei cittadini ritiene che la difesa dei diritti umani debba costituire una priorità per il Parlamento europeo e come il  73 %  ritengono che la pace, i diritti umani e la democrazia siano i valori che meglio rappresentano l’Unione Europea e quindi devono essere promossi con forza nel mondo.

Molte sono le azioni che il Parlamento europeo già mette in atto per tutelare e promuovere azioni a favore dei diritti umani: dichiarazioni e risoluzioni d’urgenza, clausole contrattuali negli accordi di commercio e cooperazione attraverso le quali i deputati possono chiedere ai paesi terzi di migliorare la loro situazione sui diritti umani.

Il ruolo attivo ricoperto dal Parlamento europeo si concretizza anche con la consegna di riconoscimenti a favore dei difensori dei diritti umani attraverso la Borsa di studio Sakharov e il Premio Sakharov per la libertà di pensiero.

Nonostante, le non poche attività che il Parlamento europeo dedica alla tutela dei diritti umani, i cittadini europei richiedono ancora più sforzi all’Unione europea per fare divenire questo delicato tema una priorità.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO