La banalità del bene: Ennio Pistoi

Il 20 maggio 1920 nacque a Roma Ennio Pistoi, in seguito riconosciuto come una figura di spicco della storia partigiana piemontese. Come molti partigiani delle valli del cuneese, la sua vita è stata profondamente segnata dalla guerra, che ne ha condizionato tutta la sua esistenza.

La banalità del bene: Tzvetan Todorov

Nato nel 1939 a Sofia, Tzvetan Todorov è stato un teorico della letteratura e uno studioso dei temi dell’alterità, dello spaesamento e dei totalitarismi. Trasferitosi nel 1963 a Parigi, fu un grande allievo del semiologo Roland Barthes. Il suo trasferimento non fu una libera scelta, bensì la diretta conseguenza del fatto che all’epoca la Bulgaria rappresentava uno di quegli stati dove il regime comunista negava la libertà intellettuale e di libera espressione. Nel corso della sua vita avrebbe poi definito il socialismo staliniano, una “scuola di nichilismo” capace di erodere ogni slancio ideale.

La banalità del bene: don Aldo Benevelli

Domenica 19 febbraio ci ha lasciati don Aldo Benevelli, dopo una lunga vita spesa da uomo libero, partigiano, combattente e pacifista, sostenitore dei valori della democrazia e della solidarietà, padre fondatore della cooperazione italiana, attento osservatore e conoscitore del mondo.

La banalità del bene: Francesco Brondello

L’8 maggio 1920 nacque a Borgo San Dalmazzo Francesco Brondello, futuro parroco proclamato nel 2004 “Giusto tra le Nazioni” in riconoscenza alle sue azioni che durante la seconda guerra mondiale salvarono la vita a molte persone di origine ebraica.

La banalità del bene: Jerry Essan Masslo

Il 25 agosto 1989 Jerry Essan Masslo (noto ai più semplicemente come Jerry Masslo) era un migrante originario del Sudafrica che morì a Villa Literno assassinato da dei criminali intenzionati a derubare il frutto del suo lavoro di raccoglitore di pomodori nei campi. La sua triste morte stimolò la discussione sulla riforma del diritto di asilo e sulle riforme antirazziste in Italia. Pochi giorni dopo, infatti, a Roma fu organizzata la più grande manifestazione antirazzista mai vista prima nel territorio italiano, grazie alla partecipazione di oltre 200.000 persone.

La banalità del bene: Maria Luisa Alessi

Ernesto Rossi nasce a Caserta il 25 agosto 1897 e, insieme ad Altiero Spinelli e a Eugenio Colorni, viene ricordato come uno dei principali promotori del federalismo europeo.

La banalità del bene: Ernesto Rossi

Ernesto Rossi nasce a Caserta il 25 agosto 1897 e, insieme ad Altiero Spinelli e a Eugenio Colorni, viene ricordato come uno dei principali promotori del federalismo europeo.

La banalità del bene: Don Raimondo Viale

Pierre Ceresole è nato nel 1879 a Losanna da una famiglia benestante. Potè così godere di una buona istruzione studiando matematica con l'intento di diventare un ingegnere. Eppure, appena ottenuta l'eredità lasciatagli dal padre, Pierre decise di lasciarla tutta allo Stato, in quanto non si sentiva all'altezza di potersela tenere solamente per sé stesso.

La banalità del bene: la giornata mondiale del rifugiato #withRefugees

Prendendo spunto dal celebre libro di Hannah Arendt “La banalità del male”, questa rubrica vuole essere una provocazione al contrario, con l’obiettivo di narrare storie di eroici...

La banalità del bene: Duccio Galimberti

Prendendo spunto dal celebre libro di Hannah Arendt “La banalità del male”, questa rubrica vuole essere una provocazione al contrario, con l’obiettivo di narrare storie di eroici...

Ultime news

Schede tematiche

Editoriali e commenti

I nostri autori

Redazione
3005 ARTICOLI0 COMMENTI